giovedì, 25 Febbraio 2021
Home NEWS REGIONI La Peste Suina dilaga in Germania

La Peste Suina dilaga in Germania

La Peste Suina dilaga in Germania, rischio blocco delle importazioni. Secondo Dreosto i cacciatori andranno a ricoprire un ruolo chiave per il controllo delle popolazioni di cinghiale, abbassandone la densitá di popolazione e, quindi, il rischio dei contagi: se il Governo c’é batta un colpo per l’Eurodeputato Dreosto.

Si fa sempre piú preoccupante la situazione in Germania, dove continua ad espandersi l’epidemia di peste suina africana, i cui focolai restano per ora legati alle sole popolazioni di cinghiale selvatico. La Germania rischia il tracollo del settore, quale primo paese europeo nell’allevamento suinicolo. La Cina, il Giappone e la Corea del sud, da una decina di giorni hanno giá bloccato le importazioni di carne tedesca. “Se il blocco delle importazioni dovesse estendersi all’interno dell’UE, sarebbe un duro colpo per le aziende italiane che acquistano materia prima d’oltralpe, per non parlare della denegatissima ipotesi che la malattia venga rilevata in un qualsiasi allevamento nazionale: ció provocherebbe l’immediata paralisi del settore” – dichiara l’On. Dreosto, che preannuncia “proprio in questi giorni si é ipotizzato un rafforzamento di 12,6 milioni di euro in stanziamenti a favore del Fondo UE per le misure di emergenza relative alla salute di animali e piante, allo scopo di coprire i pagamenti relativi ai diversi casi di peste suina africana negli Stati membri”. Intanto l’unica difesa sul fronte di una patologia che non ha cura, resta quella della prevenzione. Secondo Dreosto i cacciatori andranno a ricoprire un ruolo chiave per il controllo delle popolazioni di cinghiale, abbassandone la densitá di popolazione e, quindi, il rischio dei contagi, ma devono essere messi nelle condizioni di poter operare, soprattutto dal punto di vista legislativo “Abbiamo chiesto da tempo che l’art. 19 della L 157 vada a garantire a tutti i cacciatori la piena possibilitá di poter agire ai fini del controllo della fauna selvatica. Solo in tal senso si andrá a garantire un’efficace azione di contenimento per le specie problematiche come il cinghiale e quelle alloctone, il tutto a costo zero per la Pubblica Amministrazione. Se il Governo c’é batta un colpo, il tempo corre e la PSA é alle porte” conclude l’Eurodeputato.

Del 17 Novembre 2020

Most Popular

Recent Comments