venerdì, 17 Settembre 2021
HomeECONOMIAPolitica ItalianaConte: "Io speriamo che me la cavo"

Conte: “Io speriamo che me la cavo”

Le opinioni eretiche di Michele Rallo

Giuseppi se la caverá anche questa volta? Venerdí, quando la rivista sará uscita, lo sapremo giá. Ma adesso, quando scrivo il mio pezzo settimanale, non é dato ancora sapere.

Certo, questa volta l’Uomo-per-tutte-le-stagioni (dal verde al rosso, passando per il giallo e forse domani per il bianco)… l’Uomo-per-tutte-le-stagioni – dicevo – sembra davvero giunto al capolinea. Il suo governo é il fallimento istituzionalizzato, l’incapacitá eretta a sistema, il buco nero della politica e dell’antipolitica. L’unico campo dove eccelle é quello della mediazione esasperata, del compromesso ad ogni costo, della conciliazione inconciliabile, dell’arte di salvare capre e cavoli.

Ma – diciamo la veritá – forse il personaggino non é bravissimo neanche in quel campo. Semplicemente, approfitta della paura dei partiti governativi di andare a elezioni anticipate e, quindi, della loro disponibilitá a trovare sempre un qualsiasi punto d’incontro pur di evitare le urne. Per tacere di altre paure: quelle del Deep State italiano di non potere controllare l’elezione del prossimo Presidente della Repubblica, quelle del Vaticano di non potere mantenere spalancati i porti italiani, quelle dell’Unione Europea di ritrovarsi a Roma un interlocutore sovranista e poco remissivo, quelle dei “mercati” di perdere il monopolio della creazione dal nulla del danaro, e cosí via dicendo.

Forse sono queste paure, la somma di tutte queste paure a far dichiarare a Giuseppi che no, non ci sono pericoli per il governo nel passaggio parlamentare di mercoledí. O forse é l’involontario aiutino che causalmente gli giunge da non meglio precisate “voci” di ámbito quirinalizio. Secondo queste voci, se mercoledí il governo andrá sotto nelle votazioni, Mattarella sarebbe orientato a sciogliere le Camere e a convocare elezioni anticipate. Cosí i dissenzienti grillini sono avvisati e, con loro, anche i malpancisti forzitalioti ed altri potenziali “responsabili”: chi vuole mantenere in vita la legislatura si regoli di conseguenza.

Possibile? Possibile, ma non probabile. Se il governo dovesse incassare il “si” sulla riforma (peggiorativa) del MES, si ritroverebbe súbito nei guai sul cosiddetto “MES sanitario”. E, comunque, non credo alle voci che parlano di un Mattarella pronto a sciogliere le Camere.

No, non penso che le sorti di Giuseppi II possano dipendere dalle votazioni di mercoledí. La qualcosa, peró, non significa che possa dormire sonni tranquilli. L’Uomo-per-tutte-le-stagioni é nei guai fino al collo. E non solo per il MES, ma per una sequela infinita di problemi, problemini e problemoni. Innanzitutto, la tenuta dei Cinque Stelle, oramai allo sbando. Poi, per il pressing del PD, che vuole imporre al governo le sue scelte (MES compreso) anche a costo di macellare la componente grillina della maggioranza. E, poi ancóra, per i tanti dossier aperti, primo fra tutti quello degli sperati 209 miliardi del Recovery Fund, che né i grillini né i piddini né i renziani vogliono lasciare alla piena disponibilitá di Giuseppi e delle sue fantasmagoriche task forces di “esperti”.

Senza contare l’emergenza sanitaria: il virus ha rallentato notevolmente la sua corsa, ma gli ospedali italiani sono in affanno, senza personale e non in grado di reggere all’impatto di complicazioni impreviste. Intanto, i vaccini antinfluenzali non si trovano, e tutti si chiedono che cosa succederá dopo le feste, quando milioni di italiani scambieranno i normai malanni di stagione per le avvisaglie di Covid-19. Ciliegina sulla torta: i DPCM di Giuseppi, con i loro provvedimenti che sembrano studiati apposta per concentrare in pochi giorni gli spostamenti degli italiani, con conseguenti assembramenti fuori controllo in stazioni, porti e aeroporti, per tacere dei mezzi di trasporto.

Ma l’emergenza sanitaria é nulla al confronto dell’emergenza economica: interi comparti economici condannati a morte, aziende chiuse, disoccupazione galoppante. E 200 miliardi di pannicelli caldi europei – nella migliore delle ipotesi – per affrontare una crisi da far tremare le vene ai polsi.

No, non credo proprio che Giuseppi debba darsi pensiero per il voto di mercoledí. Credo che abbia ben altro di cui preoccuparsi.

Dell’ 11 Dicembre 2020

Most Popular

Recent Comments