lunedì, 27 Settembre 2021
HomeECONOMIAIl regno virtuale delle criptovalute

Il regno virtuale delle criptovalute

In tempi di crisi economica e sanitaria dovuti all’emergenza Covid, aumentano le quotazioni sul mercato delle valute virtuali, raggiungendo profitti mai sognati di Betty Scapolan

Con la crisi pandemica, scoppiata lo scorso anno, la corsa alle monete digitali ha stabilito un nuovo trend in continua crescita. La quota attuale dei Bitcoin  si aggira intorno ai 30.000 dollari: un record. E pare che anche le altre monete, quali: Ethereum, Litecoin e Monero , stiano cercando di rafforzare ed aumentare le quotazioni. Fino a tre anni fa, nessuno avrebbe insistito ed investito su questo comparto in quanto non completamente privo di rischi, avendo un coefficiente molto elevato di difficoltà. Eppure, secondo il cofondatore della piattaforma Ethereum, nonché programmatore russo, Vitalik Buterin, il merito di questa improvvisa crescita ed interesse, sarebbe dovuto alla graduale rinuncia all’oro come bene primario, a vantaggio delle monete virtuali. Secondo la stessa fonte, il contributo principale è opera delle nuove generazioni. I giovani, infatti, ritengono che l’unico oro di valore sul mercato al momento, sia quello digitale;  per questo motivo, circolano attualmente in rete circa 9 miliardi di dollari. Se questo è l’inizio, cosa ci dovremmo aspettare prossimamente? Le previsioni per l’anno appena iniziato sono solo teoriche, soprattutto in virtù delle passate stagioni, con un andamento sempre altalenante, ma le aspettative sono incoraggianti; infatti, si prevede una ulteriore crescita fino a 300.000 dollari. Quasi utopistico. Secondo un’altra fonte invece, la Multinazionale americana di servizi finanziari JP Morgan, le quotazioni potrebbero toccare i 146.000 dollari, solamente se gli investitori rinunciassero definitivamente all’oro, optando esclusivamente per il Bitcoin. Se ciò accadesse, si avrebbe un rialzo pari al 360%.  Ora, se consideriamo con quanta sinergia enfatizzante viene presentato il progetto con l’obiettivo di far entrare il modello criptodigitale e la Blockchain nella nostra società in maniera radicale, penso non sarà difficile giungere allo scopo finale. Chiaramente,non è facile fare previsioni ma sappiamo che niente arriva per caso. La storia insegna, ma anche la vita stessa. I rischi maggiori da non sottovalutare, tuttavia, sarebbero rappresentati dall’iperinflazione dell’Euro. 

La valuta virtuale ideata da Satoshi Nakamoto nel 2009, sta riscuotendo sempre più una grande fiducia presso coloro che investono, rinfrancati anche dall’apertura dei pagamenti online proposti dai colossi mondiali: PayPal, Fidelity Investments e Square. La paura nata con il Covid ha rafforzato la convinzione di indirizzare i propri risparmi verso un nuovo comparto: un bene di rifugio contro le congiunture negative della crisi sanitaria ed economica. La stessa JP Morgan ha prospettato un progressivo indebolimento dell’oro nei prossimi mesi, avvantaggiando così l’orientamento dei key player della finanza verso il mercato delle monete digitali, che lasciano presagire un ulteriore record per l’anno appena cominciato.

Del 07 Gennaio 2021

Most Popular

Recent Comments