martedì, 15 Giugno 2021
HomeECONOMIAPolitica ItalianaLa crisi di governo tra programmi "inattuabili" e il piano di ripartenza...

La crisi di governo tra programmi “inattuabili” e il piano di ripartenza e resilienza di Daniele Trabucco

di Daniele Trabucco (Costituzionalista)

A quale programma sta lavorando l’esploratore Fico? Italia Viva chiede il Mes, il Movimento 5 Stelle rilancia sul reddito di cittadinanza, il segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, ribadisce come Conte e Gualtieri siano punti irremovibili. Una vergogna inaudita!!!

Intanto gli indennizzi, per chi li ha ricevuti, altro non sono se non “partite di giro” che, peraltro, non includono i costi fissi, voce non proprio secondaria. Nella sola Regione ordinaria Toscana siamo a 3000 ristoranti chiusi dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Si potrebbe replicare che c’é il Piano di ripartenza e resilienza (ancora non definitivo) il quale dovrebbe portare 209 miliardi di euro (alcuni a titolo di prestito, altri a titoli di sovvenzioni) qualora venga approvato dalla Commissione europea.

In realtá, almeno a me cosí pare, siamo di fronte ad un testo vago e fumoso. Facciamo un esempio. Se la trasformazione “green” (parola di tendenza) del sistema portuale italiano consiste nel collegare i porti con le infrastrutture ferroviarie, perché si citano come “strategici” solo le realtá portuali di Genova e Trieste? Bari? Venezia? Livorno? Napoli? Come mai non si prevede il potenziamento dei due corridoi, Adriatico e Tirrenico, che necessiterebbero dell’adeguamento a treni da 750 metri di lunghezza ed alle sagome P/C 80 relative ai containers più grandi?

Cultura e turismo, che costituiscono asset strategici per l’economia nazionale e per i quali sono riservati 08 miliardi di euro, in base a quale criterio non sono stati inseriti in una visione strategica complessiva? Quali sarebbero le conseguenze della valorizzazione del c.d. “patrimonio culturale next generation”? E, da ultimo, nel momento in cui si afferma che vi è un “elevato margine di soggettività della valutazione quantitativa delle riforme“, non si corre il rischio di passare dalle riforme possibili a quelle ipotizzate?

A Bruxelles presenterei il manuale delle Giovani Marmotte. Almeno andiamo sul sicuro . . .

Vedi anche: https://danieletrabucco.it/

Foto dall’archivio de “Il Corriere delle Regioni”

Del 02 Febbraio 2021

Most Popular

Recent Comments