venerdì, 26 Febbraio 2021
Home NEWS REGIONI Firenze e Toscana Pitti Uomo, l’evento 2021 in versione digitale

Pitti Uomo, l’evento 2021 in versione digitale

Di Lorenzo Maria Pacini

La moda a Firenze non si ferma nonostante le chiusure: la storica expo di Pitti Immagine, che annualmente si tiene nella splendida cornice di Palazzo Pitti, quest’anno dovrà accontentarsi della versione online, fra mostre interattive, film di moda e riprese in diretta degli eventi. È nata così Pitti Connect, la piattaforma per far incontrare marchi ed acquirenti e lanciare il mondo della moda del futuro, dovendosi reinventare a causa delle restrizioni per il Coronavirus.

Non un semplice sito web ma una rassegna in piena regola, interattiva e con contenuti in continuo aggiornamento, che permetterà di contemplare l’arte della moda fino alla fine del mese di marzo, come ha confermato il CEO di Pitti, Raffaello Napoleano. «In questa edizione Pitti Uomo sarà articolato in tre macro aree – sottolinea Agostino Poletto, direttore generale – per dare rappresentanza al mondo classico-contemporaneo (FantasticClassic), lo sportswear e l’outdoor (Dynamic Attitude) e la ricerca (SuperStyling). Il baricentro di questa edizione è giocoforza italiano – sottolinea Agostino Poletto – e siamo felici dell’impegno profuso da un gruppo molto qualificato di campioni nazionali per animare il salone con live streaming, eventi speciali e una costante comunicazione. Ma voglio ringraziare quegli espositori esteri che, nonostante le difficoltà, hanno deciso di partecipare: alla scena estera dedicheremo i Pitti Olympics, un progetto online che valorizza una serie di interessanti brand selezionati per paese».

Particolare attenzione quest’anno sarà data al lato ecologico e sostenibile della moda, con numerosi brand che si servono dell’upcycle ed anche prodotti di artigianato da più aree del mondo realizzati nel rispetto dell’ambiente naturale. Molti i nuovi stilisti ad entrare in scena fra i saloni della residenza medicea d’oltrarno, con particolare attenzione alla moda orientale, in linea anche con i nuovi accordi commerciali fra Italia e Cina sulla Via della seta.

Le prossime tappe saranno della fiera saranno anzitutto il 22 febbraio con Ten C, marchio disegnato da Alessandro Pungetti e recentemente acquistato da Enzo, che in collegamento direttamente dalla Fortezza da Basso mostrerà un’installazione immersiva ispirata dall’OJJ, l’Original Japanese Jersey, il tessuto distintivo del brand. Poi la presentazione della mini capsule realizzata dallo stilista americano Spencer Phipps per Rewoolution, brand activewear in lana merino del Gruppo Reda e Paul&Shark che racconterà l’evoluzione del suo percorso stilistico attraverso le recenti collaborazioni. Quindi l’anteprima del mini-film Wonerwall diretto da Alberto Maria Colombo, che presenta i look più significativi dei brand protagonisti della seconda edizione di Sustainable Style, il progetto speciale dedicato al nuovo menswear responsabile. Infine una tavola rotonda sui brand scandinavi e il loro rapporto con sostenibilità e sensibilità sociale. Tanti anche gli eventi del 23 febbraio: Caruso si racconterà attraverso i suoi uomini chiave, mentre Guy Rover, brand storico della Manifattura Paoloni, presenterà la nuova collezione autunno/inverno 21/22, Closed presenterà il suo eco-denim mentre Save The Duck presenterà la nuova collezione con il parka sostenibile. Infine sarà trasmesso in esclusiva il film del master in Creative Knitwear Design di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna. Appuntamenti anche in città presso lo store Rinascente dove sarà presente fino all’8 marzo Ritratto al Maschile, progetto-evento che prevede uno speciale allestimento delle sue vetrine ispirate a Pitti Square, tema editoriale di questa edizione.

Un modo diverso, quest’anno, di seguire la moda, senza perdere per questo il fascino singolare che essa sa esercitare.

Foto: Pitti Immagine, immagine di repertorio libera da copyright

Del 20 febbraio 2021

Most Popular

Recent Comments