martedì, 15 Giugno 2021
HomeECONOMIACrisi economica e sovraindebitamento

Crisi economica e sovraindebitamento

Crisi economica e sovraindebitamento, un aiuto concreto per famiglie e imprese in difficoltà di Stefano Lecca

AUTORIZZATO DAL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L’ORGANISMO DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI “RIALZIAMOCI ITALIA – TREVISO”

“L’Associazione Nazionale sul sovraindebitamento Rialziamoci Italia” arriva nella Marca trevigiana in seguito al decreto attuativo da parte del Ministero della Giustizia emesso in data 08 ottobre 2020. “Questo è un ulteriore passo in avanti per l’Associazione nazionale sul sovraindebitamento RIALZIAMOCI ITALIA” – afferma la presidente Monica Mazzotta – che, da anni ha come obiettivo primario quello di diffondere e rendere accessibile la legge n. 3/2012 detta “salva suicidi”, mettendo in relazione i soggetti sovraindebitati (privati cittadini, professionisti e imprese non comprese dalla disciplina fallimentare) con le istituzioni preposte. Dalle prime stime Istat, pubblicate il 4 marzo 2021, si rileva che nel 2020 si è registrato un forte aumento dei soggetti in povertà assoluta, sia in termini familiari, sia in quelli individuali, in particolare si sono registrati 1 milione  di nuovi poveri pari a circa  335.000 famiglie. Con gli incrementi su esposti si è raggiunta l’impressionante cifra di oltre 2 milioni di famiglie e di circa 5,6 milioni di individui in povertà assoluta, valori mai così elevati dal 2005. Lo tsunami socio-economico acuito dal Covid ha spinto il governo – con la conversione in legge del “decreto ristori quater” – ad anticipare l’entrata in vigore delle modifiche alla legge 3/2012, prevedendone l’accesso anche ai soggetti incapienti. In poco più di quattro mesi di attività, sono numerosissime le domande presentate al solo Organismo di Composizione della Crisi Rialziamoci Italia – Treviso. Molto interessante è osservare i dati raccolti dal nostro “Centro Studi”:  le pratiche sono state presentate per oltre due terzi da uomini; il 75% sono lavoratori dipendenti, mentre i lavoratori autonomi si attestano intorno al 17%. I restanti sono pensionati;  l’età media dei soggetti richiedenti è di circa 53 anni. Nell’88% dei casi, le pratiche presentate riguardano la liquidazione del patrimonio, con una posizione debitoria media di circa Euro 365.000 e un importo riconosciuto ai creditori pari, mediamente, a Euro 83.400, con uno stralcio del debito di circa il 70%. In questo momento di emergenza è ancora più importante lavorare in maniera sinergica con tutte le realtà associative e istituzionali presenti nel territorio, al fine di aiutare tutti coloro che si trovano in una situazione di grande fragilità. Per tale motivo l’Associazione ha già effettuato un incontro formativo sia con la coordinatrice del progetto “Lo psicologo nei quartieri” del Comune di Treviso, sia con il team degli assistenti sociali del Comune stesso, fornendo loro informazioni utili nel caso un cittadino si rivolga a tali servizi per motivi economico/finanziari legati ad una situazione di sovraindebitamento. Ad oggi già 8 Comuni della provincia trevigiana hanno iniziato a collaborare con l’Associazione: Asolo, Casier, Castelfranco Veneto, Gorgo Al Monticano, Ponzano Veneto, Tarzo, Treviso e Zero Branco. L’ Associazione, sempre attenta alle esigenze dei cittadini e nello scenario emergenziale che stiamo vivendo, ha attivato il servizio di primo ascolto gratuito attraverso il numero verde 800.03.2012 e lo Sportello Nazionale Telematico Anticrisi (accessibile al seguente link http://bit.ly/Sportello-Nazionale-Telematico-Anticrisi). Con tale servizio i cittadini possono prenotare in modo semplice e veloce un appuntamento telematico di mezz’ora con nostri professionisti “esperti del debito”, a loro disposizione a titolo gratuito. Ad oggi diversi Comuni stanno chiedendo l’attivazione di uno sportello telematico Anticrisi dedicato, in modo da fornire un’ulteriore risposta concreta alle problematiche dei rispettivi territori. Per ulteriori informazioni sulle attività e le iniziative dell’Associazione è possibile rivolgersi ai seguenti contatti: • numero verde gratuito 800.03.2012 • sito nazionale www.rialziamoci.it • sito OCC di Treviso www.rialziamocitreviso.it, dal quale è possibile avviare l’iter di esdebitazione (https://rialziamocitreviso.it/istanza-gestore-crisi/).

Foto fornita dall’autore (Prixabay)

Del 16 marzo 2021

Most Popular

Recent Comments