venerdì, 18 Giugno 2021
HomeCONTROINFORMAZIONEContro-Scienza: Medicina e Covid-19Le incongruenze tutte italiane in epoca covid-19 di Stefano Lecca

Le incongruenze tutte italiane in epoca covid-19 di Stefano Lecca

Oggi, a pochi giorni dalla Pasqua 2021, l’Italia danza tra Regioni in zona arancione ed altre in zona rossa. Fino a qui nulla di sorprendente. Il virus viene monitorato per macro aree con indici che si differenziano da zona a zona. Fino a qui niente di nuovo. Scendendo nel dettaglio scopriremo invece molte incongruenze. Il divieto di transito da un Comune all’altro e da una Regione all’altra vengono meno nel momento in cui ci si trasferisce per motivi di lavoro, studio, salute o altra necessità. Fino a qui tutto apparentemente come previsto. Ma attenzione, se abbiamo prenotato un soggiorno all’estero, per esempio in Portogallo, essendo questo Stato in zona C, non serve alcuna motivazione per spostarsi. Si, proprio così, si può andare per turismo in Portogallo e in molti altri Stati dell’Unione Europea salvo adempiere alle restrizioni di quel Paese di destinazione. Quindi se noi volessimo andare a fare un giro turistico non potremo andare da nessuna parte in Italia, ma al contrario all’estero sì. E che dire se si volesse andare a pranzare a San Marino?  Se hai prenotato nessuna limitazione perché lo Stato di San Marino è in fascia A! Il comparto turistico italiano è già colpito duramente, se poi ci aggiungiamo questi distinguo non rimane nemmeno la forza per arrabbiarsi. Solo per fare altri piccoli e brevi esempi veniamo alla ristorazione, comparto altrettanto bastonato che per riuscire a sopravvivere come attività si è costretti a gestirsi l’asporto, oppure se si è tra i fortunati ad avere l’attività in una zona produttiva, di transito e con ampio parcheggio ci si può permettere il cosiddetto “servizio mensa” che non è altro che il servizio di ristorazione per le partite IVA ed i suoi dipendenti dopo aver sottoscritto una convenzione. Ma se si è un semplice e miserabile proprietario del locale che ha sempre aperto a cena in zona ZTL con un menù raffinato orientato ai palati fini o si è orientato il proprio business agli eventi come le cerimonie, allora ti fanno diventare miserabile a tutti gli effetti. E cosa dire del settore dell’abbigliamento? Qui invece ci vuole un genio per comprendere le motivazioni di una serie di incredibili distinguo. Se vendi intimo, pigiami e articoli per l’infanzia puoi tenere aperto il tuo negozio al dettaglio, ma se per tua sciagura vendi solo maglieria, confezione, capospalla per uomo e donna devi tenere chiuso. Se sei un ingrosso puoi invece tenere aperto. Ma veniamo agli ambulanti, anche se avete intimo, pigiami e articoli per l’infanzia restate a casa perché all’aria aperta siete pericolosi. E’ una battuta ironica, lasciatemela passare. Questo è solo un piccolo spaccato dell’economia italiana, del commercio al minuto fatto di piccoli e medi imprenditori che lavorano sodo e che hanno una sola colpa: essere in proprio. Il virus c’è ed è nascosto ovunque ed entra in azione a qualsiasi ora, è accertato che il virus non possiede né il navigatore né l’orologio. La gente è disorientata, la gente non ne può più, la gente è stremata, la gente è confusa, queste limitazioni della libertà sono inaccettabili ancor più se palesano differenze senza senso. Facciamo rispettare la distanza interpersonale, facciamo rispettare l’igienizzazione personale, facciamo rispettare l’uso della mascherina, è già più che sufficiente, altrimenti a brevissimo gli assembramenti si formeranno fuori delle mense della Caritas, nelle sale d’aspetto dei psicologi e in coda nei tribunali a depositare i libri contabili. Da emergenza sanitaria si è aggiunta l’emergenza economica e siamo ad un passo dall’emergenza della sicurezza sociale.

Foto dall’archivio de “Il Corriere delle Regioni”

Del 29 marzo 2021

Most Popular

Recent Comments