domenica, 25 Luglio 2021
HomeUEL’astensionismo vince in Francia: “Due francesi su tre non vanno a votare”

L’astensionismo vince in Francia: “Due francesi su tre non vanno a votare”

Alle elezioni regionali in Francia vince la destra moderata, mentre crolla il partito del premier Emmanuel Macron

Tra “pandemia”, innefficenze e disservizi, emerge nelle elezioni regionali francesi un “Astensionismo da record” che è stato definito “preoccupante” dal ministro dell’Interno, Gerald Darmanin.: a disertare le urne è stata una quota degli aventi diritto superiore al 66%, contro il 55% del 2010; alcune forze politiche hanno chiesto una commissione d’inchiesta sulle inefficienze, definite “indegne di una grande democrazia”.

La destra gollista di Les Republicains sembra comunque aggiudicarsi questo primo turno delle elezioni regionali, mentre l’estrema destra del Rassemblement National (Rn) incassa un risultato inferiore alle previsioni. Tengono Socialisti e Verdi, crolla La Republique En Marche del presidente, Emmanuel Macron.

Il dato provvisorio nazionale vede Les Republicains primo partito al 27%, seguito da Rn (19,3%), Socialisti e alleati (17,6%), Verdi e alleati (12,5%), En Marche e alleati (11,2%), La France Insoumise e alleati (4,2%): per Marine Le Pen quello di questo primo turno, è stato un risultato al di sotto delle previsioni e ha invitato i francesi a mobilitarsi per il secondo turno previsto per il prossimo 27 giugno.

Questi lunghi mesi di “pandemia” ha demoralizzato la popolazione transalpina: due francesi su tre che non vanno a votare, è un dato che parla da solo e fotografa uno stato preoccupante della “Democrazia” in Francia, primo campanello d’allarme per tutti i paesi europei, Italia compresa.

Del 22 Giugno 2021

Most Popular

Recent Comments