domenica, 25 Luglio 2021
HomeVenetoTrevisoIl prezzo d'oro dell'acqua di Betty Scapolan

Il prezzo d’oro dell’acqua di Betty Scapolan

La sopravvivenza dei popoli, nei secoli, è stata resa possibile anche grazie all’utilizzo di un bene comune e primario: l’acqua definita la sorgente della vita di Betty Scapolan

Come spesso accade però, sempre qualcuno vuole rovinare la massa per arricchirsi. Così nel silenzio generale, mentre le notizie mediatiche erano concentrate a terrorizzare la popolazione con gli innumerevoli casi di contagi da coronavirus, l’acqua è stata quotata in borsa, divenendo ben presto oggetto di investimenti speculativi finanziari più o meno legali. È diventata il bene più prezioso e raro, com’era prevedibile, dell’oro stesso ed il suo prezzo ha iniziato ad oscillare come succede per le materie prime.

Secondo alcuni studiosi, l’oro blu starebbe affievolendosi e scarseggiando ed i cambiamenti climatici, determineranno nei prossimi anni l’insorgenza di  una vera e propria emergenza idrica mondiale, nella quale, almeno due miliardi di persone moriranno di sete. Le responsabilità di tale disastro non sono solo da attribuirsi al consumo dell’uomo, ma altresì, all’eccessivo sfruttamento del settore primario e delle multinazionali.

L’estate è appena iniziata, ma già si corre ai ripari con carenze giornaliere ed arresti forzati dell’acqua potabile; mentre le bollette lievitano con graduali aumenti di anno in anno, proprio per favorire gli sciacallaggi della finanza speculativa. Nel comune di Mansuè, piccolo paesino in provincia di TV,  il sindaco ha emanato una circolare il 22/06/2021, in cui rende noto, che dalle 6 del mattino alle 23 di sera non sarà possibile utilizzare la rete idrica per bagnare orti e giardini e di limitarne l’utilizzo anche per il consumo umano. La polizia municipale multerà i trasgressori con cifre ragguardevoli tra i 25€ ed i 500€.Un altro duro colpo per tante famiglie rimaste senza lavoro: costrette dal Sistema a rinunciare alle proprie abitudini, ai propri hobby, per ingrassare le “tasche” dei soliti supermercati.

Foto dall’archivio de “Il Corriere delle Regioni”

Del 23 Giugno 2021

Most Popular

Recent Comments