sabato, 25 Settembre 2021
HomeECONOMIAPolitica ItalianaConte contro Draghi, aspettando il semestre bianco

Conte contro Draghi, aspettando il semestre bianco

Le opinioni eretiche di Michele Rallo

Nei corridoi dei palazzi romani la notizia era di dominio pubblico giá da molto tempo: Giuseppi si preparava a prendere possesso di ció che restava dei Cinque Stelle, e súbito dopo – acquisita con poco sforzo una idonea massa di manovra – a tendere un agguato al governo Draghi. Il tutto, peró, durante il “semestre bianco”, quando il Presidente della Repubblica non avrebbe potuto sciogliere le Camere e non ci sarebbe stato quindi il pericolo di elezioni anticipate.

Il motivo – giuravano i bene informati – era da ricercarsi in un astio profondo, insanabile verso Mario Draghi, cui il personaggino non perdonava di aver accettato di formare un suo governo. Ció aveva archiviato per sempre il progetto di un nuovo gabinetto Conte, cui – ricordate? – tanti “volenterosi”, tanti “responsabili”, tanti moderati e centristi assortiti stavano lavorando con lena indefessa.

Cosí, un nuovo nome si era aggiunto all’elenco dei nemici imperdonabili di Conte. Al primo posto, naturalmente, Salvini, reo di aver fatto cadere il Giuseppi I. Al secondo posto Renzi, reo di aver messo in crisi il Giuseppi II. E al terzo posto, infine, Draghi, reo di aver impedito la nascita del Giuseppi III.

Intanto, un quarto nemico sembrava pronto ad aggiungersi all’elenco dei cattivoni. Era nientepopódimeno che Beppe Grillo, il giacobino-capo che qualche settimana prima, forse al solo scopo di trovare un comodo parafulmine, aveva designato Giuseppi come futuro “capo politico” di un M5S ridotto al lumicino. Nel presupposto, ovviamente, che il “capo politico” si limitasse a fare – appunto – il parafulmine, e che l’ultima parola in ogni campo continuasse ad essere prerogativa sua, del Garante o dell’Illuminato che dir si voglia.

Ma l’Uomo del Vaffa aveva fatto i conti senza l’oste, senza tenere in debito conto né lo smisurato egocentrismo di Giuseppi, né i suoi piani segreti (ma non troppo) per sgambettare Draghi. L’aspirante capo politico – “il Nulla con la pochette” lo chiama Veneziani – si credeva un Napoleone, e mai e poi mai avrebbe accettato di fare il numero due di chicchessía, di farsi dettare la linea politica da altri. E men che meno aveva digerito il fatto che Grillo si fosse permesso – proprio in quei giorni – di intervenire sui ministri grillini per indurli ad accettare il compromesso voluto da Draghi sulla riforma della giustizia della ministra Cartabia.

Chissá, forse nella strategía immaginata da Giuseppi e compagni per mettere alle corde Draghi, c’era proprio il voto in Consiglio dei Ministri sulla riforma Cartabia; una riforma che cancellava le incredibili grillinate della “riforma” precedente, quella targata Fofó D.J.

Ecco spiegato – sostengono sempre le malelingue – il retroscena della vera e propria guerra scoppiata fra l’illuminato e il designato. Una guerra ancóra in corso, malgrado – ufficialmente – si sia giunti a un armistizio al tavolo di un lussuoso ristorante in quel di Bibbona.

Come finirá? É presto per dirlo. Nei palazzi si sussurra di un vero e proprio ultimatum che Conte porrebbe a Draghi nei prossimi giorni: o fai marcia indietro sul compromesso giustizia (e ritorni alle astrusitá della precedente “riforma” grillina), o in aula i Cinque Stelle voteranno contro la riforma Cartabia, mettendo in grave difficoltá il Presidente del Consiglio.

Tutto come previsto, quindi? Non proprio, perché – secondo i calcoli piú attendibili dei quirinalisti – al semestre bianco mancano ancóra una dozzina di giorni. Non inizierebbe infatti “verso la fine di luglio” – come si diceva genericamente fino a qualche tempo fa, ma il 3 agosto. Senza contare che, anche a semestre bianco iniziato, Draghi potrebbe dimettersi, aprendo la strada al ricorso anticipato alle urne súbito dopo l’elezione del Presidente della Repubblica. Ipotesi, questa, che manda nel panico i parlamentari grillini, due terzi dei quali – secondo tutte le previsioni – non rientrerebbero a Montecitorio o a Palazzo Madama. Non é affatto detto, quindi, che deputati e senatori pentastellati seguirebbero le direttive di Conte; ammesso e non concesso che questi, nel frattempo, sia riuscito a farsi impalmare dal Garante.

Su una cosa, comunque, mi sentirei di scommettere. Fra Conte e Draghi, il piú furbo e il piú abile non é certamente il primo. Se l’ex avvocato del popolo crede di poter tenere sulla corda l’ex governatore della BCE, ha proprio sbagliato indirizzo.

Non che io ami Sir Drake. Al contrario: non mi va proprio giú, fin dai tempi del “Britannia”. Ma a lui riconosco statura, capacitá, preparazione, ed anche qualitá manovriere che Giuseppi Bonaparte neanche si sogna.

Foto dall’archivio de “Il Corriere delle Regioni”

Del 24 Luglio 2021

Most Popular

Recent Comments