sabato, 25 Settembre 2021
HomeRELIGIONITeologiaIl pre conclave rivelato: "Inquietanti rivelazioni di Francesco sul pre conclave del...

Il pre conclave rivelato: “Inquietanti rivelazioni di Francesco sul pre conclave del 2013”

Segnaliamo un interessante articolo presente sul sito della Fraternità Sacerdotale San Pio X di cui consigliamo caldamente la lettura integrale.

Papa Francesco ha appena chiarito i contorni del futuro testo che dovrebbe definire il luogo e il ruolo della Curia romana, una delle grandi riforme dell’attuale successore di Pietro, che torna anche su alcune circostanze del pre conclave del 2013.

. . . . interessante, l’esplicita conferma che l’attuale riforma della Chiesa fa parte di un’agenda programmata e decisa prima dell’elezione del 2013, da un certo numero di cardinali: “la riforma è ciò che volevano i cardinali, dal conclave di marzo 2013”, insiste Francesco.

“Non ho inventato nulla, aggiunge il Papa, la mia azione dall’inizio del pontificato consiste nel realizzare ciò che noi cardinali avevamo chiesto nelle riunioni pre conclave per il futuro papa: il prossimo papa dovrà fare questo, quello e quell’altro”.

“Ed è quello che ho iniziato a mettere in atto. Penso che ci siano ancora diverse cose da fare, ma non c’è nessuna invenzione da parte mia: obbedisco a quanto deciso a suo tempo.”

Il papa sostiene che alcuni elettori, che si erano schierati con i riformatori, non avrebbero preso la piena misura delle conseguenze del loro impegno: “forse alcuni non si sono resi conto della portata di ciò che dicevano, o non hanno immaginato le conseguenze, come è vero che certi temi sono fastidiosi”.

“Ma non c’è originalità da parte mia nel piano attuato”, sottolinea il pontefice, il quale precisa che il riformismo che sta prendendo forma “riassume quello che noi cardinali dicevamo all’epoca”. Se si doveva definire la linea che ha presieduto la sua elezione, il Sommo Pontefice la riassume con l’esortazione Evangelii gaudium, che “riprende quanto espresso dai cardinali”.

Così, il fatto di far prevalere la dimensione pastorale sul resto, e di inviare la dottrina nelle segrete del magistero, sembra essere al centro del programma che ha suggellato il risultato delle elezioni del 2013, per la stessa ammissione di l’attuale Pontefice romano.

La conclusione del Papa

“Una cosa resta chiara: la riforma non attuerà altro che quanto avevano deciso in precedenza i cardinali, quanto abbiamo chiesto al pre conclave, e che ora si sta realizzando e vedendo la piena luce”.

Per i cardinali discutere del futuro della Chiesa prima di un conclave è una cosa. Ma per alcuni cardinali prendere una decisione che coinvolga il futuro papa che non farà altro che attuare il piano deciso dai suoi elettori è tutt’altra cosa.

Si entra così nella logica del partito: un uomo viene eletto sul programma che ottiene più voti, un programma che deve poi realizzare. Non si tratta più della Santa Chiesa, ma di un’organizzazione puramente umana, dimentica della missione divina che dovrebbe animarla.

Concludiamo con una domanda: cosa conteneva questo “programma” deciso nel preconclave?

Leggi l’articolo completo sul  sito della Fraternità Sacerdotale San Pio X

Foto dall’archivio de “Il Corriere delle Regioni”

Fonte: https://fsspx.news/it/news-events/news/inquietanti-rivelazioni-di-francesco-sul-pre-conclave-del-2013-68609?fbclid=IwAR0DvVphFkivFsT-H43_rOuWV8OAPISqVbQQDcUotaLcPIQqm6gAYeDmsrs dell’11 Settembre 2021

Most Popular

Recent Comments