martedì, 26 Ottobre 2021
HomeMONDO CRISTIANOMons. Carlo Maria ViganòMons. Viganò sull’Obbligo Vaccinale imposto ai Preti in alcune Diocesi Usa

Mons. Viganò sull’Obbligo Vaccinale imposto ai Preti in alcune Diocesi Usa

Comunicato di Mons. Carlo Maria Viganò sull’Obbligo Vaccinale imposto ai Preti in alcune Diocesi Americane. I fedeli Cattolici aprano le loro case ai Sacerdoti perseguitati dalla tirannide dei Vescovi alleati al globalismo Allegati Pdf con la versione in Italiano e in lingua Inglese  

COMUNICATO

A PROPOSITO DELLA RECENTE IMPOSIZIONE

DELL’OBBLIGO VACCINALE

IN ALCUNE DIOCESI AMERICANE

Abbiamo appreso che in alcune Diocesi degli Stati Uniti d’America, ed in particolare nella Diocesi di Chicago, l’Autorità Ecclesiastica sta imponendo ai suoi chierici e agli operatori pastorali l’obbligo vaccinale quale condizione per assistere alle celebrazioni, alle attività liturgiche e pastorali e addirittura per il solo fatto di essere sacerdoti con un ministero. Simili dispotiche misure sono imposte anche in Italia e in altri Paesi.

I sacerdoti che non sottostanno alle disposizioni dell’Ordinario saranno privati delle loro facoltà sacerdotali e dei mezzi di sussistenza. Di conseguenza molte chiese verranno chiuse, con gravissimo danno per la salus animarum, a causa della mancanza di chierici che possano sostituire coloro che non si faranno iniettare il siero genico sperimentale. Da quanto è dato sapere, vi sono non pochi pastori d’anime che opporranno, com’è nel loro pieno diritto di cittadini e di Cattolici, un netto rifiuto a disposizioni sacrileghe e illegittime, nulle e che espongono gli interessati al concreto pericolo prossimo di effetti collaterali gravi, ivi compreso il rischio di morte. Senza menzionare le implicazioni morali derivanti dall’accettare l’inoculazione di un farmaco per la cui produzione sono utilizzate linee cellulari fetali provenienti da aborti.

L’asservimento della Gerarchia bergogliana alla farsa pandemica e all’imposizione della cosiddetta vaccinazione ha trasformato i Ministri di Dio in santoni della pandemia, i Vescovi in piazzisti di sieri sperimentali e l’intero corpo ecclesiale nella vittima delle sperimentazioni di massa. Questo costituisce un inaudito tradimento della missione divina della Chiesa di Cristo, della potestà dei Pastori e del mandato dei sacerdoti, in un processo di sostituzione della Religione rivelata con un culto pseudoscientifico che rasenta l’idolatria. Se questi abusi sono già gravi se provengono dall’Autorità civile – la cui corruzione e i cui conflitti di interesse sono ormai universalmente noti e denunciati – ancor più grave è la cooperazione a questo crimine globale da parte dell’Autorità ecclesiastica.

Dinanzi a tali violazioni del diritto, occorre denunciare senza esitazione la deliberata complicità della Gerarchia al diabolico piano mondialista del Great Reset, e resistere con fermezza e coraggio a questa sopraffazione ratificata dalla Santa Sede.

Rinnovo con forza l’appello che ho lanciato al recente evento tenutosi a Dubuque (Iowa) in favore della Coalition for Canceled Priests, invitando i laici a sostenere i loro sacerdoti con iniziative coordinate. È necessario costituire una Fondazione Internazionale che raccolga le offerte e le donazioni dei fedeli, distogliendole dalle parrocchie e dalle Diocesi che si mostrano conniventi con l’attuale regime bergogliano. Quando i Vescovi si vedranno toccati nel conto in banca, saranno probabilmente indotti a moderare la loro opera di ostracismo contro i buoni sacerdoti. Iniziative come Coalition for Canceled Priests e altri analoghi progetti costituiscono un’urgente necessità in quest’ora di persecuzione. Ciascuno di noi, a seconda dei propri mezzi, potrà dare un contributo concreto – non necessariamente solo economico – anche semplicemente destinando le proprie offerte a chi le merita e non a chi le usa per vessare i buoni chierici.

I fedeli Cattolici aprano le loro case ai Sacerdoti perseguitati dalla tirannide dei Vescovi alleati al globalismo, mettendole a disposizione per la celebrazione del Santo Sacrificio della Messa. Riuniti attorno a questi altari domestici, le comunità refrattarie potranno così continuare a rendere dovuto culto alla Santissima Trinità e a beneficiare dell’assistenza spirituale dei loro Ministri. E che la carità fraterna, alimentata dalla condivisione dell’unica Fede e della preghiera, segni l’inizio di una rinascita della Santa Chiesa, oggi oscurata da mercenari e traditori.

+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo

già Nunzio Apostolico negli Stati Uniti

3 Ottobre 2021

Dominica XIX Post Pentecosten

VERSIONE IN LINGUA INGLESE

PRESS RELEASE

ABOUT THE RECENT IMPOSITION

OF THE MANDATORY VACCINATION

IN SOME AMERICAN DIOCESES

We have all learned that in some Dioceses of the United States of America, and in particular in the Archdiocese of Chicago, the Ecclesiastical Authority is mandating its clerics and faithful employees to be vaccinated as a condition for attending celebrations, liturgical activities. and pastoral and even for the mere fact of being priests with a ministry. Similar despotic measures are also imposed in Italy and other countries.

Priests who do not comply with the provisions of the Ordinary will be deprived of their priestly faculties and means of subsistence. Consequently, many churches will be closed, with very serious damage to the salus animarum, due to the lack of clerics who can replace those who will not be injected with the experimental gene serum. From what is known, there are not a few pastors of souls who will oppose, as is in their full right as American citizens and Catholics, a clear refusal to sacrilegious and illegitimate provisions, which are void and which expose those concerned to the concrete immediate dangerous serious side effects, including the risk of death. Without mentioning the moral implications of accepting the inoculation of a drug for the production of which fetal cell lines from abortions are used.

The subservience of the Bergoglian Hierarchy to the pandemic farce and the imposition of the so-called vaccination has transformed the Ministers of God into pandemic gurus, the Bishops into salesmen of experimental serum and the entire ecclesial body into the victim of mass experimentation. This constitutes an unprecedented betrayal of the divine mission of the Church of Christ, of the power of pastors and of the mandate of priests, in a process of replacing the revealed religion with a pseudoscientific cult that borders on idolatry. If these abuses are already serious if they come from the civil authority – whose corruption and conflicts of interest are now universally known and denounced – even more serious is the cooperation in this global crime by the ecclesiastical authority.

Faced with such violations of the law, it is necessary to denounce without hesitation the deliberate complicity of the Hierarchy in the diabolical globalist plan of the Great Reset, and to resist firmly and courageously this oppression ratified by the Holy See.

I strongly renew the appeal that I launched at the recent event held in Dubuque (Iowa) in favor of Coalition of Canceled Priests, inviting the laity to support their priests with coordinated initiatives. It is necessary to set up an International Foundation that collects donations and contributions from the faithful, distracting them from parishes and dioceses that are conniving with the current Bergoglian regime. When the Bishops find themselves impacted in the bank account, they will probably be induced to moderate their work of ostracizing the good priests. Initiatives such as Coalition for Canceled Priests and other similar projects are an urgent need in this hour of persecution. Each of us, according to their means, will be able to make a concrete contribution – not necessarily only financial – even simply by allocating our offers to those who deserve them and not to those who use them to harass good clerics.

The Catholic faithful open their homes to priests persecuted by the tyranny of the bishops allied to globalism, making them available for the celebration of the Holy Sacrifice of the Mass. Gathered around these domestic altars, the refractory communities will thus be able to continue to render due worship to the Holy Trinity and to benefit from the spiritual assistance of their ministers. And may fraternal charity, nourished by the sharing of the one Faith and prayer, mark the beginning of a rebirth of the Holy Church, today obscured by mercenaries and traitors.

+ Carlo Maria Viganò, Archbishop

former Apostolic Nuncio in the United States

October 3, 2021

Dominica XIX Post Pentecosten

Allegati Pdf

Most Popular

Recent Comments