mercoledì, 8 Dicembre 2021
HomeCULTURAFilosofiaIl pensiero di Parmenide nella prova a priori di Sant'Anselmo d'Aosta sull'esistenza...

Il pensiero di Parmenide nella prova a priori di Sant’Anselmo d’Aosta sull’esistenza di Dio di Daniele Trabucco

Il pensiero di Parmenide nella prova a priori di Sant’Anselmo d’Aosta sull’esistenza di Dio di Daniele Trabucco

È innegabile che il pensiero di Parmenide (520 a.C. – 440 a. C.) costituisca una pietra angolare nella storia della filosofia. Esso, infatti, inaugura il modo attraverso il quale il pensiero si rapporta alla realtà. Questa, com’è noto, è definita quale essere ed è connotata in termini di stabilità e necessità. La grande scoperta del fondatore della scuola eleatica, al quale egli dà veste poetica mediante il poema in esametri “Sulla natura”, è che il pensiero non puó pensare che l’essere: non esiste il pensiero del nulla dal momento che il nulla non è. Dall’impossibilità, da parte del pensiero, di cogliere il nulla, nasce l’identificazione fra pensiero e pensiero dell’essere: “è la stessa cosa pensare e pensare che è: perchè senza l’essere, in ció che hai detto, non troverai il pensare…”. Ora, nonostante la sua indubbia originalità, la prova a priori (Kant la chiamerà ontologica) dell’esistenza di Dio elaborata da sant’Anselmo d’Aosta (1033-1109) nel “Proslogion” è una variazione del tema platonico del rapporto intelletto umano-Idea, giacchè Platone dimostra che l’Idea (ossia l’Ente massimo) non puó esistere unicamente nell’intelletto umano, ma anche in realtà ed è anzi la realtà stessa. Tuttavia, a sua volta, Platone è “l’eco di Parmenide” poichè l’Essere (che è appunto “id quo maius cogitari nequit”) è l’Essenza stessa la quale, per il suo significato, coincide con l’Esistenza. Questo nonostante per Parmenide l’Essere necessario sia anche l’unico Essere (“pietrificato” lo definisce il prof. Giovanni Reale dell’Università Cattolica di Milano), mentre per Platone ed Anselmo l’Essere massimo ha accanto a sè enti inferiori, gli enti del mondo del divenire, la cui essenza non coincide con la loro esistenza.

Foto dall’archivio de “Il Corriere delle Regioni”

Del 22 Novembre 2021

Most Popular

Recent Comments