domenica, 26 Giugno 2022
HomePENSIERO LIBEROFuori dal coroFuori dalle ombre di Luca Rossi

Fuori dalle ombre di Luca Rossi

Il filo conduttore che lega il potere nelle sue zone piu’ segrete e invisibili? “E’ impossibile che non avvengano scandali, ma guai a colui per colpa del quale avvengono! Sarebbe meglio per lui che una macina da mulino gli fosse messa al collo e fosse gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno solo di questi piccoli” di Luca Rossi

Siamo stati abituati a credere, da giornali e televisione, che la maggior parte dei casi di pedofilia sia concentrata nella Chiesa di matrice cristiana. L’allontanamento in massa dalla religione cattolica, in un Paese tradizionalmente il piu’ conservatore d’Europa come l’Irlanda ad esempio, e’ dovuto in larga parte ad abusi sessuali perpetrati da preti pedofili. Venuti a conoscenza pero’, dopo l’arresto e suicidio di Epstein e il processo di Maxwell,  della enorme diffusione di questo infame peccato nel mondo dell’industria, della politica, della finanza e dello spettacolo e che perfino le case regnanti d’Europa se ne sono macchiate, qualcosa sembra essere profondamente sbagliato in questo quadro interpretativo. La pedofilia e in senso lato una pratica sessuale perversa sembra infatti essere il filo conduttore che lega il potere nelle sue zone piu’ segrete e invisibili. Questo e’ anche quello che ci avevano cercato di dire due artisti come Pier Paolo Pasolini e Stanley Kubrick prima di essere uccisi.  Il fatto che il sistema giudiziario e i media abbiano attaccato soltanto la Chiesa per questo crimine sembra confermare un intento anti cristiano del potere che controlla sia la giustizia che la politica e i media. Leonardo Sciascia in una sua intervista ci aveva ammonito di questo fatto. Il potere e’ altrove, disse. Il potere non e’ nel Parlamento della Repubblica, non e’ nelle stanze del Vaticano o nelle aule di giustizia, il potere non e’ nelle stazioni televisive o di polizia. Il potere e’ altrove. Comprendere la natura elusiva e nascosta del potere e’ fondamentale per giungere a conoscerne qualche cosa, perche’ non se ne possono avere nell’immediato prove fattuali ed empiriche senza correre un rischio troppo grande, si veda il caso di Julian Assange.  Quindi le informazioni positive che abbiamo di questo livello profondo del potere, che agisce sulla nostra societa’ come il Motore Immobile nella cosmologia aristotelica aziona il mondo, sono scarse e frammentarie, sottoposte tra l’altro, su Google e Youtube e altre piattaforme di ricerca, a una valanga di fact checks per discreditarle.  Un esempio di questa censura e’ il documentario Out of Shadows. Questo filmato e’ stato bandito da YouTube e si puo’ vedere soltanto su piattaforme alternative come Bitchute. Nelle informazioni allegate al video si legge: “Questo documentario solleva la maschera su come i mainstream media e Hollywood manipolano e controllano le masse diffondendo propaganda attraverso i loro contenuti. Il nostro scopo e’ di svegliare le coscienze facendo luce su come noi tutti siamo stati vittime di menzogne e lavaggio del cervello da parte di un nemico nascosto con una sinistra agenda”. Sono contenuti informativi come questo documentario che gettano luce sulla vera natura del potere. E quello che ci dicono e’ che la pedofilia  piu’ che una pratica tollerata dall’elite sembra essere il suo tratto distintivo, una sorta di marchio di fabbrica. Fare parte dei vertici del potere significa partecipare a una sorta di rito satanico che ha al suo centro l’abuso sessuale e il sacrificio dei bambini. I benefici che ricava il Potere da questa pratica sono svariati. Non solo puo’ dare libero sfogo alle sue perversioni e soddisfare le esigenze del suo culto segreto ma acquista anche un potere di ricatto su tutti quelli che riesce a coinvolgere nella sua rete. Pensate se giudici della Suprema Corte degli Stati Uniti e direttori di giornali e televisioni, CEO di grandi compagnie tecnologiche, ex presidenti degli Stati Uniti e personaggi famosi della musica e del cinema fossero tutti pedofili, corrotti, alcuni addirittura dalla nascita, dall’emanazione dello stesso potere. Pensate al potere di controllo e condizionamento che questo centro di emanazione del potere otterrebbe sul resto della societa’ . Vi sono inoltre enormi benefici finanziari che si ricavano dal traffico di minori. Decine di milioni di bambini scompaiono ogni anno e vengono venduti a caro prezzo per essere abusati, torturati e infine uccisi. Dal loro sangue, carico di adrenalina in seguito alle torture, viene estratta una droga che sembra avere poteri di ringiovanimento, chiamata adrenochrome, la droga dell’elite, la loro carne viene poi venduta a ristoranti, frequentati dall’elite, dove si mangia carne umana. Se cercate su Google, il motore di ricerca che guarda a caso ha chiamato il suo browser chrome,  naturalmente verrete a sapere che sia adrenochrome che la notizia che a Los Angeles esiste un locale chiamato Cannibal Club sono fake news. Un bambino rapito in Cina, in Africa, in India o in qualche parte povera d’Europa, come la Moldavia ad esempio, prima di finire sulla tavola di qualche ristorante “raffinato” ha prodotto quindi tre fonti di altissimo guadagno. Prima con la vendita del suo corpo, il piu’ caro al mondo nel traffico degli esseri umani, poi il suo sangue, una droga cosi’ cara che circola soltanto a certi livelli, ed infine con la sua carne.  Questo potere si e’ infiltrato anche nella Chiesa  e la pedofilia ne caratterizza purtroppo una sua parte importante. Ma e’ lungi da essere, come i media vorrebbero comunicarci in maniera subliminale, una caratteristica specifica ad essa, quasi una derivazione della vita celibe e solitaria che i sacerdoti sono chiamati ad esercitare o addirittura che essa derivi dai fondamenti della religione cristiana, da Gesù Cristo stesso, che invece disse ai suoi discepoli: “E’ impossibile che non avvengano scandali, ma guai a colui per colpa del quale avvengono! Sarebbe meglio per lui che una macina da mulino gli fosse messa al collo e fosse gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno solo di questi piccoli”.

Foto dall’archivio de “Il Corriere delle Regioni”

Del 08 Gennaio 2022

Most Popular

Recent Comments