venerdì, 20 Maggio 2022
HomeECONOMIAPolitica ItalianaCambiare la Costituzione? Una proposta "dirompente" di Claudio Martinotti Doria

Cambiare la Costituzione? Una proposta “dirompente” di Claudio Martinotti Doria

Se proprio si vuole modificare e aggiornare la Costituzione eccovi una proposta dirompente Claudio Martinotti Doria

Siccome il nostro Parlamento composto da parassiti e corrotti (con qualche eccezione), che non rappresentano affatto gli elettori in quanto non corrispondono minimamente all’attuale volontà popolare, si è permesso di modificare due articoli della Costituzione (art. 9 e 41), con l’approvazione dei due terzi del parlamentari evitando in tal modo il referendum popolare, e i media di regime hanno fatto passare sotto silenzio questo evento, mi permetto di fornire una semplice proposta che non ha solo valenza provocatoria, ma sulla quale converrebbe riflettere seriamente.

Quando le condizioni sociopolitiche in Italia saranno cambiate, perché avverrà e prima di quanto pessimisticamente si pensi, e ci saranno quindi i presupposti per intervenire a livello popolare richiedendo un aggiornamento costituzionale per impedire che situazioni deliranti e liberticide come quelle che abbiamo subito negli ultimi due anni si possano ripetere, tra gli emendamenti che andrebbero proposti porrei anche il diritto di ogni cittadino maggiorenne incensurato e in grado di intendere di volere di possedere armi e munizioni. Mi raccomando di non trascurare il secondo punto, le munizioni, perché per esperienza sono certo che le oligarchie che dominano il paese riuscirebbero a far passare l’emendamento ma epurandolo dalle munizioni, in modo che si possano possedere armi ma senza munizioni (come avviene ora in Italia per i legittimi detentori), come fossero orpelli, oggetti da collezione senza alcun utilizzo pratico difensivo.

Il possesso di armi e munizioni in Costituzione sarà giustificato dal diritto alla difesa della propria incolumità, famiglia, proprietà e libertà.

I pacifisti a oltranza, quelli d’accatto e domenicali, politically correct, buonisti e ipocriti, dotati solitamente di due pesi e due misure, farebbero meglio a riflettere a fondo su questo argomento, e se fossero contrari si limitino a non aderire e non comprare e non possedere armi, senza impedire agli altri di averne e disporne.

Anche i legittimi possessori di armi sono in genere pacifisti, nel senso che non hanno alcuna intenzione di abusarne, ma sanno altresì quanto sia importante poterne disporre per garantire non solo i motivi già accennati ma anche a scopo di deterrenza, soprattutto verso eventuali abusi di potere come quelli che si sono palesati, oltre ogni immaginazione e sopportazione, in Italia negli ultimi due anni.

Chi gestisce il potere e intende abusarne si guarderà bene dal farlo oltre certi limiti se sapesse che decine di milioni di cittadini sono armati e non esiterebbero a ricorrere alle armi se fossero minacciati gravemente nei loro diritti alla libertà personale. Com’è avvenuto negli USA, che se avete fatto caso solo negli stati dove le armi sono limitate o vi sono norme restrittive e i cittadini sono disarmati, i governatori e sindaci hanno abusato dei loro poteri per imporre norme restrittive, coercitive e discriminatorie con l’alibi della pandemia. Al contrario negli Stati dove quasi tutti i cittadini sono armati, nessun governatore si è neppure sognato di imporre queste costrizioni, perché sapeva come avrebbe reagito la popolazione.

Quindi invito tutti a superare i pregiudizi che spesso si hanno, anche allo stato latente, a proposito di armi, perché possiedono un potenziale e un valore che non è solo pratico ma fortemente simbolico di prevenzione e deterrenza, come per ogni cosa dipende sempre dall’uso che se ne fa e dal valore della persona che le possiede e ne fruisce. Il possesso di armi e munizioni non deve più essere una gentile e selettiva concessione dell’autorità (come avviene ora e raramente in Italia e spesso per motivi clientelari e collusivi) ma deve divenire un diritto sancito dalla Costituzione. L’autorità deve solo registrarne il possesso e limitarsi a eventuali controlli tecnici.

Vedi anche: http://www.cavalieredimonferrato.it/

Foto dall’archivio de “Il Corriere delle Regioni”

Del 15 Febbraio 2022

Most Popular

Recent Comments